Virginia Raggi è stata assolta, il sindaco di Roma rimane in sella

L’attesissima sentenza del processo vedeva la sindaca di Roma imputata per falso in relazione alla nomina di Renato Marra a capo della direzione Turismo. Per i giudici «Il fatto non costituisce reato».

Il pm aveva chiesto una condanna a 10 mesi perché nella nomina di Renato Marra, secondo la tesi accusatoria, il fratello Raffaele «ci ha messo una manina, e Raggi sapeva». Alla lettura della sentenza il sindaco è scoppiato in lacrime e ha abbracciato i suoi legali.

Scongiurata quindi, la crisi dei cinque stelle al governo della capitale, infatti in caso di condanna nel processo, erano state annunciate le dimissioni della sindaca. Le prime parole della Raggi all’uscita dal Tribunale: “Spazzati via due anni di fango, vado avanti a testa alta”.

Condividi:
Precedente Incendio in un ex albergo occupato di via Prenestina: nove feriti Successivo Niente quorum per il referendum Atac: affluenza sotto il 20%